Per il pianeta

PER II PIANETA:

L’alimentazione a base vegetale è più sostenibile dal punto di vista ambientale rispetto a quella ricca di alimenti di origine animale. I cibi vegetali sono più “buoni per il pianeta”, oltre che salutari, perché necessitano di minori risorse per crescere.

per Il Pianeta

Lo sapevi che per un chilo di carne:

  • occorrono dieci chili di cereali e foraggi (per la nutrizione degli animali);
  • si consuma una quantità di terra dieci volte superiore all’equivalente calorico di alimenti vegetali;
  • si emettono in atmosfera circa 30,4 chili di anidride carbonica equivalente, mentre per un chilo di legumi l’emissione media è 26 volte meno.
  • Il consumo d’acqua è di 15.500 litri contro i 100 litri in media per ottenere un chilo di ortaggi.

ANCHE LA CONFEZIONE HA IL SUO PESO

Per proteggere l’ambiente è indispensabile limitare gli sprechi e riciclare il più possibile le materie prime.
Ovviamente non solo per quanto riguarda il cibo, ma anche per quanto concerne gli involucri che lo contengono.

La ricerca e l’innovazione nei materiali, le tecnologie di produzione e l’attenzione al riciclo sono elementi fondamentali nella scelta e nella realizzazione delle confezioni Vallé.

VASCHETTE Un importante traguardo si è ottenuto nel 2012, alleggerendo il peso delle vaschette di oltre il 10% grazie all’utilizzo di un nuovo materiale, in particolare un polipropilene più fluido, e a una nuova geometria del coperchio, con un notevole risparmio di materiale plastico:
un’innovazione che ci ha permesso di risparmiare 2,2 tonnellate di plastica ogni milione di vaschette vendute.

Con la vendita di 22 milioni di confezioni, nell’ultimo anno il risparmio è stato di circa 50 tonnellate di materiale plastico. La nuova confezione, con meno materiale
trasformato, ha permesso inoltre di ridurre il consumo di energia elettrica, emettendo alla fonte circa 2 tonnellate in meno di CO2 per ogni milione di vaschette prodotte.

INVOLUCRI DELLE PASTE FRESCHE Il passaggio da una pellicola multistrato (PET e PE) a una mono materiale (in OPP) avvenuto nel 2012, oltre ad aver permesso una riduzione dell’impatto ambientale, ha migliorato la fruibilità delle confezioni. Il nuovo involucro, più leggero e meno spesso, si ottiene con una quantità di polimero del 10% inferiore, portandoci a risparmiare 48 tonnellate di CO2 all’anno. Grazie alle caratteristiche del materiale, però, non vi sono differenze al tatto e la confezione è più facile da aprire.

Dato che l’attenzione per l’ambiente continua anche dopo l’utilizzo degli imballaggi, le confezioni Vallé sono state pensate per essere interamente riciclabili. Su ognuna di esse sono riportate le informazioni necessarie: il contenitore corretto è indicato con un semplice simbolo, così che a casa la raccolta differenziata sia più semplice.

LA NOSTRA FILIERA, SERIETÀ E CONTROLLI

Il concetto di filiera comprende le attività, le tecnologie, le risorse e le organizzazioni che partecipano alla creazione, trasformazione, distribuzione, commercializzazione e fornitura di un prodotto. Quando tutti gli attori di una filiera lavorano seguendo criteri di qualità e di sostenibilità, il risultato finale è garantito.
Per questo motivo, si può dire che ad una “buona” filiera corrisponde un buon prodotto finale.
A questo scopo, Vallé opera un controllo di filiera dei propri fornitori e degli ingredienti dei prodotti, facendo particolare attenzione al delicato tema dell’impatto ambientale degli oli vegetali.

percorso

PASSI CONCRETI PER LA SOSTENIBILITÀ

Il continuo cammino di Vallé verso la sostenibilità ha già portato ad ottimi risultati, garantiti dalla certificazione ambientale dello stabilimento di produzione francese, ma anche da azioni concrete di taglio delle emissioni di CO2, raccolta differenziata, produzione di energia da fonti rinnovabili.

  • Certificazioni ambientali: Dal 2009, l’impianto francese di  Ludres è certificato ISO 14001, una norma che attesta l’impegno dell’azienda nella misurazione e riduzione del proprio impatto ambientale. La conferma della certificazione è soggetta a controlli annuali. Lo sforzo per diminuire l’impatto dell’impianto è quotidiano e avviene anche attraverso il consumo controllato di acqua e di energia, con una politica aziendale volta alla riduzione dell’inquinamento e dei rifiuti.
  • Energia rinnovabile: Nell’arco di tempo 2004 – 2010 Il gruppo Vallé ha ridotto del 15% il consumo di energia elettrica. Attualmente il 100% di energia utilizzata negli stabilimenti proviene da fonti rinnovabili.
  • Raccolta differenziata: Gli impianti di produzione e gli uffici praticano un’accurata raccolta differenziata che nel 2014 ha portato al 100% di rifiuti riciclati.
  • CO2: Vallé ha calcolato, già a partire dal 2010, la propria impronta di carbonio impegnandosi successivamente in azioni concrete per ridurre la quantità di CO2 emessa dalla propria attività. Tra le azioni messe in atto, c’è lo studio di un particolare tipo di packaging che ha consentito il risparmio di 200 tonnellate di plastica all’anno e delle conseguenti emissioni in atmosfera. Per quanto riguarda il trasporto dei prodotti, una migliore logistica e l’ottimizzazione del carico dei camion ha evitato l’emissione di 958 tonnellate di CO2 ogni anno. Queste ed altre azioni consentiranno a Vallé di raggiungere l’obiettivo “Zero Carbon Ludres” nel 2020.

LEGGI ANCHE :