Tortino di cavolfiore e pistacchi

Claudia: la mia predilezione per l’estate riguarda solo l’aspetto climatico e qualche ora di luce in più, ma i tesori dell’inverno sono altrettanto strepitosi come quelli estivi, i colori richiamano la terra, il riposo vegetativo, un momento di stasi. Una teglia come questa ravviva la nostra tavola invernale senza nulla togliere al clamore estivo.

Nessun voto

kcal

224

omega3

0,94 g (omega 6 1,7 g)

difficoltà

preparazione

30’

cottura

1h 15’

persone

4

Tortino di cavolfiore e pistacchi

Stampa Email

ingredienti

  • 800 g di cavolfiore
  • 20 g di pistacchi tritati a coltello
  • 60 g di Vallé omega 3
  • 400 g di latte parzialmente scremato
  • 30 g di farina setacciata
  • 3 cm di zenzero grattugiato
  • pepe
  • sale

1.

Ingredienti

2.

Mondate e riducete in cimette il cavolfiore, lavatelo e cuocetelo al vapore fino a quando il gambo sarà morbido,circa un’ora

3.

Realizzate una besciamella sciogliendo valle’ omega3 su fuoco leggero, aggiungete la farina e tostate pochi istanti, unite il latte e lo zenzero, cuocete fino a quando la salsa si sarà addensata.

4.

Foderate una teglia con carta forno, distribuite le cimette di cavolfiore su un solo strato

5.

Versate la besciamella e decorate con la granella di pistacchi. Infornate a 180°C per circa 15 minuti. Servite tiepido
I nostri consigli
35
Un’idea per l’estate: al posto dell’acqua metti nel contenitore del ghiaccio della spremuta di arancia e limone con degli stecchini per ottenere piccoli ghiaccioli
Cosa prepariamo oggi?
Claudia

Foodblogger

Claudia

la mia predilezione per l’estate riguarda solo l’aspetto climatico e qualche ora di luce in più, ma i tesori dell’inverno sono altrettanto strepitosi come quelli estivi, i colori richiamano la terra, il riposo vegetativo, un momento di stasi. Una teglia come questa ravviva la nostra tavola invernale senza nulla togliere al clamore estivo.

Anna Maria

Foodblogger

Anna Maria

la mia predilezione per l’estate riguarda solo l’aspetto climatico e qualche ora di luce in più, ma i tesori dell’inverno sono altrettanto strepitosi come quelli estivi, i colori richiamano la terra, il riposo vegetativo, un momento di stasi. Una teglia come questa ravviva la nostra tavola invernale senza nulla togliere al clamore estivo.