Torta vasetti senza lattosio, con gocce di cioccolato fondente

Sarà capitato di non avere a disposizione la bilancia ma di avere un grande desiderio di preparare un dolce. Allora cosa si fa? Il dolce dei vasetti, che utilizza come unità di misura i vasetti dello yogurt. Inoltre abbiamo pensato anche a chi ha problemi di intolleranza al lattosio e per non rinunciare alla bontà abbiamo aggiunto delle gocce di cioccolato fondente. Un dolce sofficissimo da provare subito.

Categoria: Torta al cioccolato

difficoltà

preparazione

30 min

cottura

30 min

persone

10

Torta vasetti senza lattosio, con gocce di cioccolato fondente

Stampa Email

ingredienti

  • 1 vasetto di Vallé Soia
  • 2 vasetti di yogurt senza lattosio alla frutta
  • 1 vasetto di zucchero
  • 3 vasetti di farina 00
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Zucchero a velo
  • Tre cucchiai di gocce di cioccolato fondente (facoltativo)

1.

In una ciotola mescolare i tuorli con lo zucchero e lo yogurt senza lattosio fino ad ottenere una consistenza spumosa.

2.

Aggiungere la farina e il lievito, setacciati, poco per volta. Lavorare per qualche minuto fino a quando cominciano a formarsi delle bolle.

3.

Aggiungere Vallé Soia ammorbidita e amalgamare.

4.

Montare a neve gli albumi e aggiungerli poco per volta, inglobandoli nell’impasto lavorando dall’alto verso il basso.

5.

Versare le gocce di cioccolato e mescolare delicatamente. Versare il tutto in una teglia rivestita di carta da forno (o unta e infarinata) del diametro di 22 cm circa.

6.

Infornare a 180° in forno già caldo, per circa 30/40 minuti. Fare la prova stecchino. Far intiepidire e spolverizzare con zucchero a velo.

I nostri consigli

91

il riso è un cereale, ma non contiene glutine, è adatto quindi ai celiaci

Cosa prepariamo oggi?

Anna

Foodblogger

Anna

Consigli:

Questa torta è sofficissima e per toglierla agevolmente dalla teglia è preferibile foderarla con carta da forno.

Varianti:

Se non vi piace il cioccolato fondente potete sostituirlo con succo e scorza di un’arancia, avendo cura di aggiungere 20 g in più di farina all’inizio della preparazione.