Dolce

Torna indietro

Torta di carote “365 dolci all’anno”

Difficoltà
facile
Persone
6
Tempo di preparazione
30 min
Tempo di cottura
40 min
Torta di carote “365 dolci all’anno”

Ingredienti

11 voti:

100 gr di farina 00
50 gr di amido di mais
100 gr di mandorle
120 gr di zucchero
2 cucchiaini di lievito per dolci
200 gr di carote (circa 2-3)
125 gr di Vallé Omega 3
3 uova
1 limone

Ricordo ancora quando, a metà degli anni ottanta, appena tornata dall’Inghilterra ho fatto inorridire tutti raccontando che avevo mangiato la torta di carote, una cosa inconcepibile all’epoca in Italia. Ora, per fortuna, questa torta è un classico anche da noi, con tutto di guadagnato: è semplicemente deliziosa. Rispetto alla versione inglese, ricoperta di glassa di zucchero, e a quella americana, sepolta da una crema di formaggio, la mia si accontenta di una sobria spolverata di zucchero a velo, il che la rende adatta a ogni occasione: può essere mangiata a colazione e al pomeriggio col tè, oppure può fare da dessert se si serve tagliata a fettine e accompagnata da una pallina di gelato.  

Il nostro alleato sarà:
Vallé Omega 3

1

Gli ingredienti

2

Accendete il forno a 180 gradi; grattugiate le carote e mettetele tra due strati di carta da cucina in modo che si asciughino

3

Tritate le mandorle nel mixer con un cucchiaio di zucchero

4

Sciogliete la margarina a bagnomaria

5

Dividete le uova con cura, montate a neve ferma gli albumi, poi usate lo stesso frullino per sbattere i tuorli con lo zucchero in un’altra ciotola

6

In una terza ciotola, setacciate la farina con l’amido e il lievito; unite la margarina sciolta ai tuorli, poi aggiungete la scorza del limone e incorporate la farina poco alla volta, mescolando bene. Aggiungete la carote e le mandorle, poi incorporate gli albumi montati mescolando con delicatezza dal basso verso l’alto

7

Versate in una tortiera rotonda (diametro 22 cm) unta con margarina e infornate per 40 minuti circa

8

Lasciate raffreddare e servite dopo aver cosparso con abbondante zucchero a veloBuon Appetito da Kuri e da Vallé ♥

Nutrizionista - Esperti Vallé

Ricordo ancora quando, a metà degli anni ottanta, appena tornata dall’Inghilterra ho fatto inorridire tutti raccontando che avevo mangiato la torta di carote, una cosa inconcepibile all’epoca in Italia. Ora, per fortuna, questa torta è un classico anche da noi, con tutto di guadagnato: è semplicemente deliziosa. Rispetto alla versione inglese, ricoperta di glassa di zucchero, e a quella americana, sepolta da una crema di formaggio, la mia si accontenta di una sobria spolverata di zucchero a velo, il che la rende adatta a ogni occasione: può essere mangiata a colazione e al pomeriggio col tè, oppure può fare da dessert se si serve tagliata a fettine e accompagnata da una pallina di gelato.