Torta al cioccolato vegan

Questo dolce accontenterà tutti, vegani e non, perché quando c’è il cioccolato fondente, c’è l’assoluta certezza della bontà. Eliminando le uova e il burro, la torta risulterà ancora più soffice e morbida, pronta per essere gustata con del buon cioccolato sciolto, frutta e magari anche un ciuffo di panna. Da provare prestissimo.

Categoria: Torta al cioccolato

4 voti

difficoltà

preparazione

45 min

cottura

30 min

persone

10

Torta al cioccolato vegan

Stampa Email

ingredienti

  • 150 gr di Vallé Soia
  • 230 gr di farina 00
  • 50 gr di cacao amaro
  • 150 gr di zucchero
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 200 ml di latte di riso (o latte di mandorle)
  • 150 ml di panna vegetale liquida o latte di riso
  • 200 gr di cioccolato fondente
  • 10 lamponi (facoltativo)

1.

In una ciotola mescolare la farina, lo zucchero, il cacao setacciato e il lievito.

2.

In un’altra ciotola versare il latte di riso tiepido e la Vallé Soia sciolta al microonde o resa morbida a temperatura ambiente.

3.

Amalgamare i liquidi con gli ingredienti in polvere. Se l’impasto dovesse risultare poco morbido, aggiungere ancora un pò di latte di riso.

4.

Ungere generosamente con olio uno stampo secondo il proprio gusto. Attenzione, non infarinare!

5.

Versare l’impasto e cuocere in forno caldo a 180° per circa 30 minuti o fino a quando uno stuzzicadenti ne uscirà asciutto. Lasciar raffreddare.

6.

Sciogliere nella panna vegetale calda il cioccolato tagliato finemente con un coltello, e mescolare, finché si forma una crema lucida.

7.

Versarla sulla torta e decorare con lamponi.
I nostri consigli
L’acido folico e la gravidanza
Durante la gravidanza e l’allattamento una vitamina fondamentale è la B9 (l’acido folico). Contribuisce alla produzione di molecole importantissime, come il DNA e l’RNA; è proprio per questo motivo che il fabbisogno aumenta sensibilmente in questo periodo.
Cosa prepariamo oggi?
Anna

Foodblogger

Anna

Consigli:
Appena messa la torta nel forno, coprire con un foglio di carta stagnola per circa 10 minuti.
Quindi toglietela e continuare la cottura. Se dovesse ancora rimanere un pò umida all’interno,
coprire ancora con la stagnola, per evitare che si bruci, e lasciarla ancora fino a quando lo stuzzicadenti
ne uscirà asciutto.

Varianti:
Potete aggiungere nell’impasto gocce di cioccolato o 20 g di nocciole tritate. Oppure sostituire i
lamponi con pistacchi e nocciole tritate.

Ideale per pranzo, cena, colazione, merenda e quando avete voglia di dolce.