Risotto in cagnone, pescato e timo

Questa ricetta si può usare tutto l’anno, oppure come piatto unico raddoppiando la quantità di filetto di pesce.

Nessun voto

difficoltà

preparazione

30 min.

persone

4

Risotto in cagnone, pescato e timo

Stampa Email

ingredienti

  • 500 ml brodo vegetale non salato
  • 320 gr. riso Carnaroli
  • 8 gr. sale fino
  • 180 gr. Vallé Naturalmente
  • 100 ml. vino bianco
  • 40 gr. scalogno
  • 100 gr. grana padano 20 mesi
  • 1 spicchio di aglio
  • 300 gr. pesce persico a filetti
  • timo q.b.

1.

Ingredienti

2.

Rosolare in casseruola da risotto lo scalogno tritato e 30 g di Vallé Naturalmente, aggiungere il risotto, il sale pesato e tostare, sfumare con tutto il vino bianco, far prendere il bollore mescolando. Aggiungere tutto il brodo vegetale, coprire con un coperchio e abbassare il fuoco al minimo. Proseguire la cottura per 13 minuti senza aprire e mescolare. Una volta finita la cottura spegnere e lasciar riposare coperto per 5 minuti

3.

Nel frattempo far sciogliere 100 g di Vallé Naturalmente in una pentola antiaderente con uno spicchio d’aglio. Aggiungere il timo sfogliato e arrostire a fuoco vivace i filetti di pesce per 2 minuti dal primo lato. Girare e proseguire per 30 secondi

4.

Trascorsi i 5 minuti mantecare il risotto con Grana Padano e la restante dose di Vallé Naturalmente

5.

Impiattare adagiando i filetti di pesce sopra il risotto, irrorare con Vallé Naturalmente e timo
I nostri consigli
Un segreto di sofficità legato al lievito
Se usi un lievito industriale/chimico o l’impasto è particolarmente liquido, lavora in fretta l’impasto altrimenti il gas si disperderà prima che la torta venga passata nel forno.
Cosa prepariamo oggi?
Stefano

chef

Stefano

CONSIGLIO:

Questa ricetta si può integrare con verdure a piacere come piselli, zucchine ecc… sbollentate in precedenza e messe in mantecatura.