Dolce

Torna indietro

Pandolce Genovese “DolceNatale”

Difficoltà
facile
Persone
1
Tempo di preparazione
10 min
Tempo di cottura
40 min
Pandolce Genovese “DolceNatale”

Ingredienti

2 voti:

• 300 gr di farina 00
• 2 cucchiaini di lievito per dolci
• 100 gr di zucchero
• 1 uovo
• 100 gr di Vallé …naturalmente
• 100 ml di latte
• 200 gr di uvetta
• 50 gr di arancia candita
• 40 gr di cedro candito
• 30 gr di pinoli
• 80 ml di latte
• 3 cucchiai di rhum
• 2 cucchiaini di acqua ai fiori d’arancio
• 1 cucchiaino di semi di anice (se non piacciono sostituite con semi di finocchio)
• scorza di un limone
• 1 pizzico di sale

Per quelli che amano il profumo del pane appena fatto…ecco il Pandolce genovese. Tra i dolci natalizi questo “pane” dal profumo buonissimo e dall’aspetto austero è uno dei primi di cui io abbia memoria e, sebbene la versione più autentica sia quella “alta”, quella “bassa” (qui riportata) è sicuramente la più diffusa e conosciuta.  Si conserva a lungo ed è facile da trasportare, il che lo rende ideale per un pensierino di Natale: basta un bel fiocco intorno al nostro pandolce e il regalo è fatto. I dolci di Natale by Vallé: ricette sane e gustose per godersi ogni attimo della Festa.  

Il nostro alleato sarà:
Vallé Naturalmente

1

Gli ingredienti

2

Accendete il forno a 180 gradi. Mescolate la farina col lievito e setacciate. In un’altra ciotola lavorate la margarina e lo zucchero finché il composto è morbido e spumoso, poi aggiungete il rum, l’acqua di fiori d’arancio, la scorza di limone e l’uovo. Mescolate bene

3

Unite la farina poco alla volta e, quando l’impasto si fa troppo asciutto, unite anche il latte. Non aggiungete troppo liquido, l’impasto non deve essere troppo molle. Infine, unite l’uvetta, i canditi e i pinoli e mescolate con delicatezza. Riversate il composto sulla placca rivestita di carta forno e date una forma circolare (alta circa 5 cm) con le mani infarinate. Incidete leggermente alcune diagonali nei due sensi opposti e infornate per 45 minuti

4

Una volta sfornato, lasciate raffreddare bene e servite. Se volete conservare il pandolce a lungo avvolgetelo con uno strato di carta forno e uno di stagnolaBuoni dolci da Kuri e da Vallé ♥

Nutrizionista - Esperti Vallé

Per quelli che amano il profumo del pane appena fatto…
Tra i dolci natalizi questo “pane” dal profumo buonissimo e dall’aspetto austero è uno dei primi di cui io abbia memoria e, sebbene la versione più autentica sia quella “alta”, quella “bassa” (qui riportata) è sicuramente la più diffusa e conosciuta.  Si conserva a lungo ed è facile da trasportare, il che lo rende ideale per un pensierino di Natale: basta un bel fiocco intorno al nostro pandolce e il regalo è fatto.