Madeleines alla vaniglia

Le madeleines sono quei dolcetti morbidi caratterizzati dalla forma di conchiglia da un lato e da una “gobbetta” dall’altro, delizie che in “Alla ricerca del tempo perduto” riportavano Marcel Proust alle memorie d’infanzia e che per me, dai tempi della scuola,  saranno sempre legate allo scrittore e alle lezioni di francese. Per nostra fortuna, a differenza della ponderosa opera di Proust, le madeleines sono biscotti semplici e veloci: una volta che avranno riposato in frigo, saranno pronte in un lampo per allietare la vostra ora del tè e i momenti di relax, magari leggendo La recherche… o il catalogo Ikea!

Categoria: Biscotti

16 voti

difficoltà

preparazione

20'

cottura

10'

persone

10

Madeleines alla vaniglia

Stampa Email

ingredienti

Per 30 madeleines circa

  • 125 gr di farina 00
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 2 uova + 1 tuorlo
  • 90 gr di Vallé… naturalmente
  • 100 gr di zucchero
  • 1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

1.

Ingredienti

2.

Fate sciogliere la margarina a bagnomaria o nel microonde e mettete da parte. Mescolate la farina e il lievito, setacciate e mettete da parte. In un’altra ciotola, sbattete le uova e il tuorlo con lo zucchero e la vaniglia senza inglobare troppa aria, poi unite la farina mista a lievito a pioggia, mescolando accuratamente

3.

Unite la margarina, mescolate bene con la frusta e coprite la ciotola con pellicola trasparente. Mettete in frigo per almeno 4 ore (meglio una notte)

4.

Quando è trascorso il tempo di riposo, accendete il forno a 200 gradi. Ungete lo stampo da madeleines con margarina (anche se è di silicone; se usate quello di metallo ungetelo e infarinatelo) e versate un cucchiaio scarso di impasto in ogni formina. Infornate per 10-12 minuti. Ripetete fino a esaurimento dell’impasto

5.

Fate raffreddare e servite. Si conservano 4-5 giorni in una scatola di lattaUn dolce saluto da Kuri e da Vallé ♥
I nostri consigli
impasto troppo liquido o troppo sodo?
La consistenza dell’impasto è molto importante per la riuscita del dolce. Dovete fare attenzione: se l’impasto è troppo liquido si affloscia durante la cottura, per cui è consigliabile aggiungere un po’ di farina. Se invece è troppo sodo, il dolce non si gonfia durante la cottura, meglio ammorbidirlo con un pò di latte.
Cosa prepariamo oggi?
Cristina
Cristina

Le madeleines sono quei dolcetti morbidi caratterizzati dalla forma di conchiglia da un lato e da una “gobbetta” dall’altro, delizie che in “Alla ricerca del tempo perduto” riportavano Marcel Proust alle memorie d’infanzia e che per me, dai tempi della scuola,  saranno sempre legate allo scrittore e alle lezioni di francese. Per nostra fortuna, a differenza della ponderosa opera di Proust, le madeleines sono semplici e veloci: una volta che avranno riposato in frigo, saranno pronte in un lampo per allietare la vostra ora del tè e i momenti di relax, magari leggendo La recherche… o il catalogo Ikea!