Insalata di fagiolini e uova di quaglia in nidi di pasta phyllo

Da sapere.... Pur appartenendo alle famiglia dei legumi, l’apporto nutrizionale dei fagiolini è molto simile a quello di un ortaggio: ciò è dovuto all’abbondante presenza di acqua
(circa 90%) che li rende poveri di calorie, ricchi di potassio, ferro, calcio, vitamine A, C e fibra alimentare.

Nessun voto

kcal

260 kcal

omega3

1,1 gr

preparazione

45 min

cottura

26 min

persone

8

Insalata di fagiolini e uova di quaglia in nidi di pasta phyllo

Stampa Email

ingredienti

  • 4 uova di quaglia (30 gr, peso delle uova sgusciate)
  • 80 gr di Vallé Omega3
  • 32 fogli di pasta phyllo 13x13 cm (100 g) surgelata
  • 240 gr di fagiolini
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • aceto balsamico
  • sale

1.

Estrarre la pasta phyllo dal freezer e lasciarla scongelare a temperatura ambiente (volendo può
essere utilizzata anche della pasta phyllo fresca, acquistabile nel banco frigo del supermercato).
Porre le uova di quaglia in un pentolino e ricoprirle con acqua fredda. Portare a bollore e far cuocere per 10 minuti. Scolarle, passarle sotto l’acqua fredda e sgusciarle.

2.

Pulire i fagiolini eliminando le estremità. Lavarli con acqua fredda. Portare a bollore una pentola con acqua. Al bollore unire i fagiolini. Farli scottare per circa 6 minuti o finché saranno infilabili con una forchetta. Scolarli e passarli subito sotto l’acqua
fredda. Far fondere Vallé Omega3 a bagnomaria. Ungere uno stampo per muffin o degli stampi monodose.

3.

Sovrapporre 4 fogli di pasta phyllo spennellando con Valle’ Omega3 tra un foglio e l’altro:
la pasta phyllo a contatto con l’aria tende subito a seccare, è consigliabile eseguire questa operazione molto velocemente. Trasferire i fogli negli stampini e modellarli fino a ottenere dei cestini. Far cuocere in forno caldo a 180° per 10 minuti. Nel frattempo tagliare i fagiolini, condirli in un insalatiera con l’olio extrvergine d’oliva e il sale. Posizionarli all’interno di ciascun nido. Dividere le uova di quaglia a metà e posizionare mezzo uovo sopra i fagiolini. Condire con alcune gocce di aceto balsamico e servire.
I nostri consigli
I semi oleosi
I grassi sono il principale nutriente dei semi, per questo motivo chiamati “oleosi”. Grazie al loro contenuto in acidi grassi insaturi ricoprono un ruolo importantissimo per la nostra salute.
Cosa prepariamo oggi?
Sara

Foodblogger

Sara

Da sapere…. Pur appartenendo alle famiglia dei legumi, l’apporto nutrizionale dei fagiolini è molto simile a quello di un ortaggio: ciò è dovuto all’abbondante presenza di acqua (circa 90%) che li rende poveri di calorie, ricchi di potassio, ferro, calcio, vitamine A, C e fibra alimentare.

Filippo

Dietista

Filippo

Da sapere…. Pur appartenendo alle famiglia dei legumi, l’apporto nutrizionale dei fagiolini è molto simile a quello di un ortaggio: ciò è dovuto all’abbondante presenza di acqua (circa 90%) che li rende poveri di calorie, ricchi di potassio, ferro, calcio, vitamine A, C e fibra alimentare.