Focaccia della Befana – Epifania

Pronti a trascorrere questa simpatica festa con la focaccia della Befana? Di sicuro dopo le feste non c’è bisogno dell’ennesimo dolce elaborato e pieno di zucchero: questo, che arriva dalla tradizione piemontese, è adatto a festeggiare l’Epifania senza appesantirsi troppo. Feste a parte, è una focaccia che si può preparare tutto l’anno, perfetta per la colazione. Certo, è grande, ma si può affettare, tenere in freezer e scongelare una fetta alla volta consumandola in tutta calma. La tradizione vuole che si nasconda un cece o una fava nell’impasto, e se volete lo potete fare anche voi: io ho deciso di non farlo per evitare brutte sorprese e mal di denti… speriamo che la Befana non si arrabbi troppo!

Categoria: Torta soffice

10 voti

difficoltà

preparazione

40'

cottura

10'

persone

6

Focaccia della Befana – Epifania

Stampa Email

ingredienti

La Befana arriva con il suo gonnone scuro, con lo scialle ed il fazzoletto in testa.
Vola sui tetti a cavallo di una scopa e dispensa doni ai bambini buoni… ma a volte lascia anche un po’ di carbone per i piu’ monelli, ma in fondo non è cattiva…

600 gr di farina 00
200 ml di latte
70 gr di zucchero
75 gr di Vallé Omega 3
2 uova
7 gr (una bustina) di lievito di birra liofilizzato
1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio
35 gr di canditi di arancia
2 cucchiai di granella di zucchero

1.

Fate intiepidire il latte, poi mescolatelo con 2 cucchiai di zucchero, 2 cucchiai di farina e il lievito; coprite e aspettate 15 minuti. Quando il lievito è fermentato, mescolatelo con la farina e il rimanente zucchero, poi aggiungete anche le uova leggermente sbattute, la margarina fusa e l’acqua di fiori d’arancio. Versate sulla spianatoia e impastate per almeno 5 minuti. Quando l’impasto è omogeneo ed elastico mettetelo in una ciotola larga unta di margarina, incidetelo a croce e coprite con pellicola trasparente. Mettete a lievitare in un luogo tiepido e riparato per un’ora

2.

Quando l’impasto sarà raddoppiato di volume, impastate velocemente e aggiungete i canditi. Foderate la placca del forno con carta antiaderente, formate una palla con l’impasto e mettetela nel centro della placca. Appiattite la palla, tagliate 16 “petali” (è più semplice se ne tagliate prima 4, poi i 4 in due parti, e poi ogni parte ancora in due)e attorcigliate ogni petalo su se stesso. Coprite e fate lievitare per un’altra mezz’ora. Nel frattempo, accendete il forno a 200 gradi.

3.

Quando il forno è ben caldo, spennellate la focaccia con uovo sbattuto e cospargete con la granella di zucchero. Infornate per 25-30 minuti

4.

Lasciate raffreddare o intiepidire e servite!Buon Appetito da Kuri e da Vallé ♥
I nostri consigli
Un consiglio per preparare i muffins
Nella preparazione dei dolci di piccole dimensioni, come ad esempio i muffin, è fondamentale la precisione del peso degli ingredienti. Meglio evitare tazze e cucchiai e pesare con una bilancia i diversi ingredienti.
Cosa prepariamo oggi?
Cristina
Cristina

Di sicuro dopo le feste non c’è bisogno dell’ennesimo dolce elaborato e pieno di zucchero: questo, che arriva dalla tradizione piemontese, è adatto a festeggiare l’Epifania senza appesantirsi troppo. Feste a parte, è una focaccia che si può preparare tutto l’anno, perfetta per la colazione; certo, è grande, ma si può affettare, tenere in freezer e scongelare una fetta alla volta consumandola in tutta calma. La tradizione vuole che si nasconda un cece o una fava nell’impasto, e se volete lo potete fare anche voi: io ho deciso di non farlo per evitare brutte sorprese e mal di denti… speriamo che la Befana non si arrabbi troppo!