Filetti di cernia gratinati con pesto di fave

Mi chiedete un trucco? Allora... riducete gradualmente il sale aggiunto durante la cottura e la preparazione dei cibi, così da minimizzarne la quantità. Sarà più facile abituarsi e riscoprire il reale sapore di ciò che mangiamo. Contestualmente via libera a erbe aromatiche e spezie!

1 voti

kcal

230

omega3

0,22 gr

preparazione

30 min

cottura

15 min

persone

4

Filetti di cernia gratinati con pesto di fave

Stampa Email

ingredienti

  • 440 gr di fave con la buccia
  • 4 filetti di cernia dorata (320 gr)
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio di aglio
  • 30 gr di pangrattato integrale
  • 10 gr di pomodori secchi sott’olio
  • prezzemolo
  • mentuccia
  • sale
  • pepe nero
  • 60 gr di rucola

1.

Portare a bollore una pentola con acqua, salarla
e versare le fave sgusciate, ma ancora con la buccia. Farle scottare per circa 3 minuti; poi scolarle (tenere da parte un cucchiaio di acqua di cottura) e farle raffreddare.
Sbucciare le fave schiacciandole con due dita
per estrarle dalla buccia. Metterle nel bicchiere di un frullatore e unire un pizzico di sale, il pepe, il prezzemolo, mezzo spicchio aglio (sbucciato e privato dell’anima interna) e un
cucchiaio di acqua di cottura delle fave. Frullare il tutto grossolanamente unendo a filo un cucchiaio di olio extravergine d’oliva.

2.

In un piatto unire il pangrattato con il pepe, mezzo spicchio di aglio, il prezzemolo, le foglioline di mentuccia, i pomodori secchi e l’olio.

3.

Coprire una teglia con carta da forno e posizionarvi sopra i filetti di pesce. Cospargerli con le briciole di pangrattato e far cuocere in forno caldo a 200° per 12 minuti.

4.

Servire il pesce gratinato caldo con il pesto di
fave a temperatura ambiente e la rucola lavata.
I nostri consigli
75
la pera è poco calorica, costituita per l’85% da acqua, ricca di fruttosio, lo zucchero naturale con il più alto potere dolcificante, che viene assimilato lentamente dall’organismo.
Cosa prepariamo oggi?
Sara

Foodblogger

Sara

Mi chiedete un trucco? Allora… riducete gradualmente il sale aggiunto durante la cottura e la preparazione dei cibi, così da minimizzarne la quantità. Sarà più facile abituarsi e riscoprire il reale sapore di ciò che mangiamo. Contestualmente via libera a erbe aromatiche e spezie!

Filippo

Dietista

Filippo

Mi chiedete un trucco? Allora… riducete gradualmente il sale aggiunto durante la cottura e la preparazione dei cibi, così da minimizzarne la quantità. Sarà più facile abituarsi e riscoprire il reale sapore di ciò che mangiamo. Contestualmente via libera a erbe aromatiche e spezie!