Farro al tardivo con alici marinate e mandorle a lamelle

Quando si parla di riscoprire la nostra dieta mediterranea ‘originale’, la migliore per mantenerci in alute, s’intende proprio riscoprire l’utilizzo dei cereali in chicco che evitano quindi processi di raffinazione, come ad esempio il farro. I cereali in chicco
sono molto più ricchi di vitamine e sali minerali e soprattutto sono un’ottima fonte di fibra, indispensabile per mantenere in salute tutto il tratto gastrointestinale.

Nessun voto

kcal

366

omega3

0,4 gr

preparazione

60 min

cottura

20 min

persone

4

Farro al tardivo con alici marinate e mandorle a lamelle

Stampa Email

ingredienti

  • 320 gr di farro
  • 3 cespi di radicchio rosso tardivo di Treviso
  • 8 acciughe
  • ½ bicchierino di vino bianco secco
  • 2 scalogni
  • 1 limone
  • 1 peperoncino
  • qualche rametto di timo fresco
  • pepe nero macinato al momento
  • olio extravergine d’oliva
  • colatura di alici se gradita

1.

Eviscerare le alici, privarle della testa, lavarle
e asciugarle con carta casa, aprirle a libro e marinarle per 30 minuti in un contenitore di vetro con il succo del limone, il peperoncino tritato grossolanamente e qualche foglia di timo fresco. Lessare per circa 20 minuti il farro in acqua salata, scolare, condire con un cucchiaio d’olio
extravergine d’oliva e mettere da parte.

2.

In una casseruola dal fondo pesante, meglio in ghisa o di rame, rosolare con un filo d’olio extravergine d’oliva lo scalogno affettato sottilmente
per qualche minuto, unire radicchio precedentemente lavato, mondato e tagliato a julienne, spruzzare con il vino bianco e cuocere per qualche
minuto. Il radicchio deve rimanere bello croccante e mantenere il colore vivace. Togliere dal fuoco, e profumare con il pepe nero macinato al momento.

3.

Con un mortaio tritare le alici fino a ottenere quasi una pasta, metterla in un wok e saltare il farro e il radicchio velocemente, al massimo per 2 minuti, amalgamando bene il tutto.

4.

Profumare con qualche goccia di colatura di alici e servire immediatamente con qualche mandorla a lamelle.
I nostri consigli
68
I carotenoidi sono liposolubili, se assunti insieme ad una fonte di grasso vengono meglio assorbiti ed utilizzati dal nostro organismo
Cosa prepariamo oggi?
Anna Maria

Foodblogger

Anna Maria

Quando si parla di riscoprire la nostra dieta mediterranea ‘originale’, la migliore per mantenerci in alute, s’intende proprio riscoprire l’utilizzo dei cereali in chicco che evitano quindi processi di raffinazione, come ad esempio il farro. I cereali in chicco
sono molto più ricchi di vitamine e sali minerali e soprattutto sono un’ottima fonte di fibra, indispensabile per mantenere in salute tutto il tratto gastrointestinale.

Francesca

Nutrizionista

Francesca