Sapori a tema

Torna indietro

Cheesecake festa della donna

Difficoltà
media
Persone
8
Tempo di preparazione
60 min
Tempo di cottura
40 min
Cheesecake festa della donna

Ingredienti

25 voti:

Per la base morbida

  • 200 gr di farina 00
  • 2 cucchiaini rasi di lievito vanigliato
  • 125 gr di Vallé… naturalmente
  • 120 gr di zucchero
  • scorza di 1 limone non trattato
  • 2 uova
  • 4-5 cucchiai di latte

Per il cheesecake

  • 250 gr di formaggio spalmabile
  • 125 gr di yogurt greco (oppure mascarpone)
  • 250 gr di polpa di mango o in scatola
  • 3 fogli di gelatina (6 gr.)
  • 80 gr di zucchero

Per la copertura

  • 50 gr di  polpa di mango  fresco o in scatola
  • 3 cucchiai di zucchero
  • succo di 1 limone
  • 50 ml di acqua
  • 1 foglio di gelatina (2 gr.)

Cheesecake festa della donna: se la solita torta mimosa vi ha stufate ma non volete rinunciare ai colori dell’8 marzo, ecco qui un’alternativa fresca e un po’ più insolita: torta morbida e cheesecake insieme, con tinte tropicali. Certo, è abbastanza impegnativa (in termini di tempo, non di difficoltà); per alleggerire il lavoro vi consiglio di calcolare bene i tempi di riposo e dividere la preparazione in due giorni. Se non volete usare il mango o non lo trovate, usate pesche sciroppate ben sgocciolate: il colore sarà meno brillante ma rimarrà comunque giallo. Buoni dolci da Cristina KURI e da Vallé ♥  

Il nostro alleato sarà:
Vallé Naturalmente

1

Ingredienti. Accendete il forno a 180 gradi. Foderate il fondo di uno stampo a cerchio rimovibile (22 cm diametro) con carta forno e ungete i bordi

2

Mescolate farina e lievito e setacciateli. A parte, lavorate la Vallé con lo zucchero fino a ottenere un composto morbido, poi aggiungete la scorza grattugiata e un uovo alla volta mescolando bene tra uno e l’altro. Incorporate la farina poca alla volta e ammorbidite col latte se l’impasto è troppo asciutto

3

Versate nello stampo e infornate per 35-40 minuti circa (fate la prova stecchino). Sfornate, attendete 15 minuti, poi sformate con delicatezza e mettete a raffreddare sulla gratella

4

Quando la torta è fredda, potete procedere col cheesecake. Mettete i 3 fogli di gelatina in ammollo in acqua fredda per 10 minuti; nel frattempo, pulite il mango e tritatelo nel mixer (per facilitarvi il lavoro tritate tutto il mango, anche la parte che servirà per la copertura)

5

Foderate la tortiera usata in precedenza con pellicola e mettete nuovamente la torta sul fondo (tagliate via eventuali rigonfiamenti). A parte, mescolate bene il formaggio, lo yogurt greco e lo zucchero. Strizzate bene i fogli di gelatina, metteteli in un pentolino e fateli sciogliere a fuoco bassissimo e mescolando in continuazione (ci vorrà un attimo, attenzione a non fare attaccare)

6

Versate la gelatina sciolta nel composto di formaggio, mescolate molto bene con una frusta, unite i ¾ del mango (conservate il resto in frigo, servirà dopo), mescolate e versate nello stampo. Livellate e mettete in frigo per un’ora

7

Quando il cheesecake si è quasi solidificato, preparate le copertura. Mettete in ammollo il foglio di gelatina. Versate il mango rimasto, lo zucchero, il succo di limone e l’acqua in un pentolino, portate a ebollizione e lasciate sobbollire per 5 minuti

8

Spegnete il fuoco, strizzate il foglio di gelatina e unitelo al composto di mango mescolando bene con una frusta in modo da rendere il composto abbastanza uniforme. Lasciate raffreddare per 2-3 minuti, poi versate sul cheesecake, livellate e rimettete in frigo per almeno 3 ore (ma il sapore migliora se si consuma il giorno successivo)

9

Sformate, liberate dalla pellicola e servite. Se volete, potete decorare con fiorellini ricavati dalla scorza di limone con un semplice stampino da biscotti

Un'idea di Cristina

Se la solita torta mimosa vi ha stufate ma non volete rinunciare ai colori dell’8 marzo, ecco qui un’alternativa fresca e un po’ più insolita: torta morbida e cheesecake insieme, con tinte tropicali. Certo, è abbastanza impegnativa (in termini di tempo, non di difficoltà); per alleggerire il lavoro vi consiglio di calcolare bene i tempi di riposo e dividere la preparazione in due giorni. Se non volete usare il mango o non lo trovate, usate pesche sciroppate ben sgocciolate: il colore sarà meno brillante ma rimarrà comunque giallo.

 

Buoni dolci da Cristina KURI e da Vallé ♥