Menu salutari

Torna indietro

Castagnole di farro integrali al profumo di arancia

Kcal: 279 - Omega3: 0.03g (90% vegetali – 10% animali) g

Difficoltà
media
Persone
6
Tempo di preparazione
35 min
Tempo di cottura
16-18 min
Castagnole di farro integrali al profumo di arancia

Ingredienti

Nessun voto:
Ingredienti

100 g di farina di farro
100 g di farina 00
100 g di farina integrale
10 g di lievito per dolci
1 uovo
1 arancia bio non trattata
40 g di olio di semi di girasole
60 g di zucchero di canna
un pizzico di sale

Castagnole di farro integrali al profumo di arancia: non le solite chiacchere, per i dolci di Carnevale abbiamo pensato a queste deliziose palline dolci, da lanciare in aria e far cadere direttamente in bocca; fatte attenzione però, scansate coriandoli e stelle filanti, loro non sono proprio commestibili. Biscotti simbolo del carnevale in una versione “a tutta salute” ricca di preziosi nutrienti come magnesio e fibra alimentare. L’olio di semi di girasole può essere sostituito da olio extra vergine di oliva.

1

In una ciotola mescolate con cura le farine con il lievito, aggiungete lo zucchero, l’uovo e l’olio continuando a lavorare.

2

Aggiungete la scorza dell’arancia (senza la parte bianca), il pizzico di sale e il succo dell’arancia fino a che l’impasto non risulti morbido.

3

Lavoratelo su di una spianatoia per almeno dieci minuti, formate una palla e lasciate riposare per un quarto d’ora circa.

4

Tirate l’impasto in cilindri e dividete in tocchetti della dimensione di una noce – lasciate riposare per altri 10 minuti sulla spianatoia infarinata. Ricoprite di carta forno una teglia ed infornate le castagnole per 16-18 minuti a 180°.

Foodbloggers - Sara e Paolo

non le solite chiacchere, per carnevale abbiamo pensato a queste deliziose palline dolci, da lanciare in aria e far cadere direttamente in bocca; fatte attenzione però, scansate coriandoli e stelle filanti, loro non sono proprio commestibili.

Dietista - Filippo

non le solite chiacchere, per carnevale abbiamo pensato a queste deliziose palline dolci, da lanciare in aria e far cadere direttamente in bocca; fatte attenzione però, scansate coriandoli e stelle filanti, loro non sono proprio commestibili.