Cantucci toscani “Le Tradizioni”

I cantucci toscani sono biscotti straordinari, “biscotti” nel senso più tradizionale del termine, cioè cotti due volte: sarà per quello che sono così fragranti e profumati? Qualunque sia il motivo vale la pena di provare a fare i cantuccini in casa; si conservano a lungo e, anche se la tradizione li vuole mangiati col vinsanto, nessuno se ne avrà a male se finiranno nel caffelatte

Categoria: Biscotti

13 voti

difficoltà

preparazione

20'

cottura

30'

persone

6

Cantucci toscani “Le Tradizioni”

Stampa Email

ingredienti

  • 400 g di farina
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 180 g di zucchero
  • 120 g di valle' + burro
  • 3 interi di uova
  • 2 cucchiai di vinsanto o marsala
  • 200 g di mandorle non pelate

1.

Gli ingredienti

2.

Mescolate bene la farina, il lievito, lo zucchero, le uova, la Vallé+Burro ammorbidita e il vinsanto, poi aggiungete le mandorle.

3.

Ricavate dividete l’impasto in due parti, avvolgete con pellicola trasparente e mettete in frigo per due ore

4.

Accendete il forno a 180 gradi; quando il forno è caldo, rivestite una placca con carta antiaderente e ricavate due filoncini dall’impasto (larghi circa 3 cm, si allargano molto in cottura). Spennellate con uovo sbattuto e infornate per 20 minuti circa.

5.

Sfornate e aspettate 5 minuti, poi tagliate i filoncini obliquamente in modo da ricavare biscotti spessi 1,5 cm circa. Usate un coltello grande e affilato, dovrà tagliare anche le mandorle. Rimettete i biscotti sulla placca e infornate nuovamente per 15 minuti, girando i biscotti a metà cottura

6.

Lasciate raffreddare bene e conservate in un barattolo a chiusura ermetica.
I nostri consigli
Un segreto per non far sgonfiare il dolce mentre cuoce
Un segreto per non far sgonfiare il dolce mentre cuoce? Lavorare i rossi d’uovo e lo zucchero a lungo sollevando il cucchiaio o la frusta elettrica per incorporare aria.
Cosa prepariamo oggi?
Cristina
Cristina

I cantucci sono biscotti straordinari, “biscotti” nel senso più tradizionale del termine, cioè cotti due volte: sarà per quello che sono così fragranti e profumati? Qualunque sia il motivo vale la pena di provare a farli in casa; si conservano a lungo e, anche se la tradizione li vuole mangiati col vinsanto, nessuno se ne avrà a male se finiranno nel caffelatte