L’importanza dei prodotti a Km 0, anche per i tuoi bambini

Buonessere

Prodotti sempre disponibili a un prezzo contenuto, una formula sempre vincente? Sembra proprio di no, meglio i prodotti a km 0.

La possibilità di acquistare prodotti alimentari, e in particolare frutta e verdura, in qualsiasi momento dell’anno e a prezzi “convenienti”, è stata per tanto tempo l’arma vincente di supermercati e ipermercati. Fragole e zucchine in inverno, cavoli e arance in estate: poter mettere in tavola qualsiasi prodotto in qualsiasi momento dell’anno ci ha fatto credere di essere padroni della natura. E, in alcuni casi, di mangiare in maniera corretta. Qualcosa, però, sta lentamente cambiando.

Prodotti km 0 per i bambini

La filiera corta

Sempre più sono le famiglie che oggi si allontanano dalla grande distribuzione per tornare a quella “filiera corta” di cui ci parlavano i nonni. Dai campi agli orti, i prodotti da mettere in tavola erano quelli che venivano raccolti giornalmente. Talvolta ammaccati e non certo perfetti, come tante mele che vediamo oggi luccicare sui banchi della frutta, ma certamente genuini. Sono i cosiddetti prodotti a chilometro zero, che non hanno percorso autostrade e tantomeno oceani e che, elemento da non sottovalutare, non sono finiti in frigorifero per durare più a lungo.

I vantaggi dei prodotti a Km 0

Quali sono dunque i vantaggi dei cosiddetti prodotti a chilometro zero? Innanzitutto la stagionalità, ovvero il fatto di essere alimenti coltivati e raccolti in uno specifico periodo dell’anno, in accordo con la natura e con le necessità del nostro organismo e di quello dei nostri bambini. La variazione degli alimenti nel corso dell’anno porta anche a una continua varietà di cibi in tavola, e quindi a una dieta sana e bilanciata. Troppo spesso, infatti, si corre il rischio di mangiare ripetutamente gli stessi alimenti per abitudine, pigrizia o scarsa informazione.

Alcuni prodotti, inoltre, avendo una produzione limitata, non arrivano sui banchi della grande distribuzione e si trovano solo da coltivatori diretti, ai banchi agricoli e nei piccoli mercati di paese.

Prodotti km 0 per i bambini

 Alimentazione sana e giochi per i bambini

Non è sempre facile insegnare ai bambini cosa sia più salutare mangiare, né tantomeno convincerli che frutta fresca e verdura di stagione siano una valida soluzione per la merenda.

Molto negli ultimi anni si è però fatto nelle scuole per trasformare l’educazione alimentare in una materia quotidiana, dai libri alle mense.

E a casa, come possiamo coinvolgere i nostri bambini e far scoprire loro quanto può essere divertente mangiare sano? Ad esempio andando alla scoperta di quei coltivatori che fanno vendita diretta dei loro prodotti, spesso a pochi chilometri di distanza dalle città. E scoprire insieme come e quando cresce la natura, come sono fatte le piantine di pomodori e quanto pesa una zucca appena nata!

Dove comprare prodotti Km 0

Fuori dalle grandi città è sicuramente più semplice trovare coltivatori e altre piccole realtà di vendita diretta, ma oramai anche nelle città si trovano prodotti a chilometro zero sempre più facilmente. Molte le iniziative che portano i coltivatori nelle piazze ad esempio, in concomitanza con manifestazioni dedicate al territorio. E sempre più numerose le possibilità di acquisto, anche on line, di cassette di frutta e verdura a filiera corta.

Chiara Carolei

Potrebbero interessarti anche